Uil, azioni contro disoccupazione giovanile e under40enni

340

 “I flebili segnali di ripresa dal mercato del lavoro italiano a febbraio, secondo i dati preliminari diffusi dall’Istat, con un calo del tasso di disoccupazione all’11,6% dall’11,7% del mese precedente, sono decisamente smentiti dal confronto con lo stesso mese del 2012 che fa emergere l’assenza di politiche volte alla ripresa dei consumi e del sistema produttivo con il rischio che si continui a caricare solo sul sistema di ammortizzatori sociali il compito di proteggere le persone che rischiano di perdere il lavoro”. E’ quanto sostiene il segretario regionale della Uil della Basilicata, Carmine Vaccaro, per il quale “specie al Sud ed in Basilicata le due facce della medaglia sono i giovani che non hanno ancora conosciuto il lavoro e gli under 40 che sono stati già espulsi dal mercato del lavoro per la crisi dell’industria e in generale di altre attività produttive”.

“Limitando, invece, l’analisi ai soli over 40enni – aggiunge Vaccaro – parliamo di oltre 1,5 milioni di persone, disoccupate e scoraggiate che, sino ad arrivare alla soglia dei 54 anni, sono totalmente dimenticate, emarginate, lasciate in balia delle bizze del mercato”. “Alla politica – continua il segretario della Uil – si chiede uno scatto di responsabilità con la presa di coscienza che il bisogno primario delle persone è il “lavoro”, pertanto tutte le politiche e le azioni che si metteranno in atto non potranno che guardare a questo obiettivo. Diminuire le tasse, sbloccare i pagamenti verso le imprese, allentare il Patto di stabilità per far ripartire le opere pubbliche: tre cose non impossibili che la politica potrebbe fare. Ancora, in Italia di flexicurity si sente parlare a sproposito, evidenziando i soli punti critici e negativi e mai i punti di possibile condivisione dai quali partire”.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.