Sanità, velocizzare sui concorsi regionali e procedere alla stabilizzazione

590

La pandemia ha messo a dura prova il nostro sistema sanitario. Con il crescere dei numeri delle vaccinazioni, la fase più drammatica sembra essere alle nostre spalle, ma non è prudente abbassare la guardia. Perciò bisogna essere pronti a qualsiasi evenienza, soprattutto vista l’evoluzione della “Variante Delta”. Nel corso di questo durissimo anno e mezzo gli operatori sanitari, con abnegazione, hanno fronteggiato l’epidemia senza risparmiarsi dimostrando un alto senso del dovere e pagando, talora con la vita, questa battaglia al Covid-19 per difendere la salute di tutti noi. Ma a conti fatti gli operatori sanitari, anche quelli impegnati direttamente nei reparti Covid, si sono dovuti accontentare delle briciole, soprattutto in Basilicata, e ancora aspettano il rinnovo del CCNL,  scaduto ormai da tre anni. E’ bene ricordare che questi operatori sono stati mandati al fronte nella fase iniziale della pandemia a mani nude. Hanno accettato gli incarichi solo quelli motivati, se consideriamo che su una media di tre chiamate solo una è andata a buon fine, per questo non è giusto abbandonarli. È vero che c’è il concorsone regionale che è stata una conquista del Sindacato, condivisa dalla Regione, ma accanto a questa importante iniziativa occorre dare meriti a chi direttamente o indirettamente si è misurato con la pandemia. I numeri, tra l’altro, non sono tali da rendere inefficace il maxi concorso che prevede, come è noto, quasi 1300 assunzioni nel triennio all’interno del Sistema Sanitario Regionale. Nel corso della trattativa sul maxi concorso, tra l’altro, è stato ribadito da tutte le parti sindacali che le stabilizzazioni erano da considerarsi aggiuntive ai 1300 posti da mettere a concorso e non sostitutive. A questo proposito abbiamo sollecitato la Regione a inviare alle Aziende Sanitarie una nota di chiarimenti  in tale senso.

Il personale sanitario, ma non lo scopriamo certamente oggi, è una risorsa preziosa per il Paese e va tutelata e incrementata nel numero. Le nuove assunzioni legate al maxi concorso regionale non saranno sufficienti a soddisfare la domanda di salute nei prossimi anni. La UIL FPL, pertanto, nell’apprezzare il rinnovo dei contratti che sono stati allineati tutti al 31/12/2021 chiede l’accelerazione dei concorsi e  la stabilizzazione dei lavoratori precari.

Il Segretario Regionale
 Guglielmi Antonio

 Il Segretario Regionale Aggiunto
Verrastro Giuseppe

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.