Affrontare subito le emergenze per cambiare e migliorare l’amministrazione

63

DSCN2337Esaurita la fase di approvazione della legge di bilancio regionale  riteniamo sia indispensabile riprendere l’interlocuzione con la parte pubblica, interrotta a fine 2014 lasciando ancora aperte tutta una serie di problematiche, insoddisfacenti per le aspettative del personale, per cambiare e migliorare l’amministrazione regionale.Occorre riprendere subito la discussione su alcuni punti fondamentali quali :

– la ristrutturazione degli uffici (che ponga fine al ricorso sistematico di professionalità esterne e valorizzi la forza lavoro presente): rivedere le declaratorie e l’organizzazione degli uffici, delle PAP e delle PO;

– il salario accessorio 2015;

– l’avvio delle procedure previste con la legge di stabilità per lo scorrimento delle graduatorie per le progressioni verticali e per la stabilizzazione dei precari.

Riteniamo incomprensibile e non condivisibile l’ultimo bando per l’incarico a 9 superesperti che dovrebbero risollevare le sorti di questa Regione. Non si comprende, allora, a cosa servano i tanti dirigenti esterni, non sono sufficienti neanche loro? Se non danno qualcosa in più all’amministrazione è meglio farne a meno.Ribadiamo che nell’amministrazione ci sono tante professionalità di talento, da valorizzare e non emarginare. Partiamo da loro. Sollecitiamo, infine, l’amministrazione ad attivarsi in tempi brevi per liquidare il saldo del salario accessorio 2014 e l’indennità di risultato previsto per le POC, evitando di intraprendere percorsi tortuosi che comporterebbero l’allungamento dei tempi di pagamento, cosa inaccettabile nella contingenza attuale dove lo stipendio dei pubblici dipendenti è massacrato dal blocco pluriennale del contratto.

        Il Segretario Aziendale UIL                                   Le  RSU    Vincenzo BARBA

            Mario Lorenzino                                                         Rocco  GIORGIO

                                                                                                    Luigi BRIENZA

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.