La ripresa è ancora fragile. Occorrono investimenti pubblici e privati

22

La relazione del Governatore della Banca d’Italia è abbastanza positiva: concordiamo sull’idea che la ripresa sia fragile.

 

bandiera2Abbiamo bisogno di azioni che creino ricchezza e posti di lavoro stabili e sani

Giusto anche il richiamo al fatto che, per legge, non si creano né ricchezza né posti di lavoro sani, ma che occorrono investimenti pubblici e privati.

Quello che è mancato nella relazione del Governatore della Banca d’Italia è il richiamo a ciò che impedisce lo sviluppo di questo Paese e che distorce l’economia e il mercato del lavoro: 60 miliardi di corruzione, 130 miliardi di evasione fiscale, 2 milioni e 400 mila lavoratori in nero.

I dati sull’occupazione diffusi ieri dal Ministero del lavoro vanno verificati alla fine del semestre. C’è stato un riciclaggio di posti di lavoro, bisogna verificarne poi la vera stabilizzazione. È chiaro che molti posti di lavoro a tempo determinato sono stati trasformati a tempo indeterminato, ma bisogna vedere se nella legge di stabilità sarà previsto lo sgravio contributivo e dell’Irap anche per il prossimo anno. Il rischio che si corre è di avere docce fredde e calde nel giro di poco tempo. Abbiamo bisogno di azioni che creino ricchezza e di posti di lavoro stabili e sani: pare che questo ancora non ci sia.

Occorre anche regolare il ruolo delle multinazionali che vengono solo a fare shopping nel nostro Paese e non investono per creare nuove realtà occupazionali.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.