Uil su situazione lavoratori del don Uva

397

La Uil –Fpl  esprime  preoccupazione per il  protrarsi di una situazione di disagio che continua ad interessare i lavoratori del Don Uva.
“Il puntuale ritardo dei pagamenti – sottolinea la Uil –  vede sempre di più  i lavoratori come esclusivi beneficiari del percorso di recupero economico, cioè gli unici finanziatori, dei debiti della Cdp. Riteniamo insostenibile che, nonostante le retribuzioni già congelate, i lavoratori debbano accollarsi anche il peso delle retribuzioni correnti che dovrebbero, anche dal punto di vista giuridico/normativo, trovare regolare erogazione. Le  organizzazioni sindacali tutte ed unitariamente, hanno inteso firmare un accordo in sede ministeriale con la convinzione che non fosse il migliore degli accordi ma sicuramente il meno doloroso da firmare in quel momento. Evitare i licenziamenti era la ratio che ci ha indotti a condurre la trattativa su quei binari, per preservare i livelli occupazionali e per garantire i livelli minimi assistenziali, cosa essenziale per poter procedere ad impostare un’azione condivisa con la Regione Basilicata. Ma oggi non possiamo assistere passivamente ad atteggiamenti della Cdp che calpesta anche i percorsi condivisi, visti gli impegni assunti in merito alla regolare erogazione degli emolumenti ai lavoratori. In ogni sede, anche al Ministero, ci era stato garantito che non ci sarebbero stati più problemi di questa natura e che l’unica cosa su cui occorreva lavorare, in sede aziendale, era la riorganizzazione del personale indispensabile visti i pensionamenti che sarebbero intervenuti per la sede di Potenza. In merito a questo, la Uil – Fpl  ritiene che si debba mettere in piedi un’azione condivisa con le organizzazioni sindacali mettendo, fin da subito, al centro le problematiche già esistenti, in merito alla carenza di personale, e dando le opportune risposte ai lavoratori che devono lavorare in condizioni di sicurezza e secondo quanto previsto dal Ccnl e dalle normative vigenti in materia”.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.