Uil: sei proposte per il Piano lavoro

304

Un piano del lavoro che abbia “i connotati della vera emergenza e che anticipi un vero cambiamento di rotta nelle politiche regionali convogliando in primo luogo le risorse della programmazione dei Fondi Europei verso pochi essenziali ed evidenti interventi”. E’ la “ricetta” della Uil della Basilicata presentata oggi a Potenza in occasione del Secondo Rapporto che Uil e Centro Studi Uil Basilicata hanno illustrato ai giornalisti.
Sei le idee-progettuali che il Piano del Lavoro dovrà contenere: sostenere il reddito dei titolari di ammortizzatori sociali; fornire sostegno economico ai lavoratori non altrimenti “coperti” dal sistema come Co.Co.Co., lavoratori in somministrazione, ecc.; offrire ausilio economico alle persone inattive non più inseribili in attività lavorative; prospettare una “dote” per la formazione dei giovani, per l’arricchimento delle loro competenze e per l’accompagnamento ai percorsi di studio e di ricerca del lavoro anche con il ricorso all’apprendistato e ai voucher-lavoro; presentare una “dote familiare” che aiuti le persone in difficoltà e investa sulle famiglie come presidio demografico attraverso una sorta di provvedimenti innovativi riconducibili alla “cittadinanza solidale”; creare un sistema semplice di strumenti regionali di sostegno, diretto ed indiretto ala capitalizzazione di impresa e a progetti di crescita.
Quanto alle tendenze del mercato del lavoro lucano – è stato riferito nell’incontro al quale hanno preso parte i segretari nazionale Guglielmo Loy e regionale Carmine Vaccaro, i componenti del Centro Studi Uil – nel terzo trimestre 2012 si registrano dati fortemente negativi.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.