Giovanni Torluccio sulla Fondazione Don Gnocchi

379

L’incontro avvenuto il 28 maggio scorso ha segnato un momento importante nel confronto avviato con la Fondazione Don Gnocchi in merito alla disdetta del CCNL.

La Fondazione ha infatti concordato sulla nostra proposta di affrontare in modo distinto – seppure oggettivamente collegato – gli interventi finalizzati a superare la contingente fase di crisi che la Fondazione sta attraversando e quelli relativi al rinnovo contrattuale.

Per quanto riguarda il primo punto, quindi, gli interventi sui quali si cercherà l’accordo avranno una caratteristica di temporaneità chiara e predefinita

In questa ottica la FDG ci ha dato una indicazione di massima sugli obiettivi che ritiene necessario raggiungere per bypassare il momento di difficoltà e per avviare il rilancio della Fondazione stessa, consegnandoci la documentazione richiesta nel precedente incontro, relativa alla situazione economico-finanziaria e del personale sulla quale dovremo ora procedere alla verifica e approfondimento.

Nel corso dell’incontro sono state avanzate prime ipotesi di una diversa articolazione di alcuni istituti contrattuali, e dei conseguenti effetti, senza però prefigurare precise soluzioni né stringere il campo alle ulteriori ipotesi e valutazioni sulle quali dobbiamo ora avanzare le nostre proposte, con la consapevolezza che ai lavoratori sarà chiesto un sacrificio ma anche che il sacrificio dovrà essere strettamente commisurato alla reale situazione e non dovrà, comunque, gravare tutto sulle loro spalle.

A questo proposito abbiamo ribadito sia che una parte integrante dell’accordo che si sta cercando di raggiungere deve essere il preciso impegno della Fondazione a garantire gli attuali livelli occupazionali, sia che gli elementi di maggiore produttività e redditività che deriveranno dall’accordo dovranno servire anche alla valorizzazione degli istituti contrattuali finalizzati a riconoscere l’impegno ed il disagio lavorativo degli operatori.

Abbiamo infine acquisito la disponibilità a prorogare i termini della disdetta del CCNL per poter affrontare, in sequenza,  il confronto sul rinnovo contrattuale.

La data per il prossimo incontro è stata fissata al prossimo 21 giugno, con un margine necessario all’analisi degli elementi che ci sono stati forniti ed alla conseguente delineazione di interventi che siano efficaci e al tempo stesso sostenibili.

In margine all’incontro abbiamo concordato – come già fatto negli anni precedenti – un modello per l’accordo da stipulare in sede decentrata al fine di ottenere la tassazione agevolata del salario accessorio 2013, che tiene conto delle novità introdotte dalla normativa più recente.

Ve lo inviamo, unitamente al verbale di incontro, invitandovi a prendere urgentemente contatto con i livelli regionali della Fondazione.

Con l’impegno ad un costante aggiornamento sugli ulteriori sviluppi del confronto, inviamo fraterni saluti.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.