Servono percorsi separati per i pazienti Covid. Il Presidente Bardi ci ascolti

434

In una recente conferenza stampa il Presidente Bardi aveva annunciato che gli Ospedali di Potenza e Matera devono essere destinati al ricovero dei pazienti Covid, senza però chiarire con quali modalità e soprattutto senza definire i giusti percorsi da attuare, causando così un collasso degli ospedali San Carlo di Potenza e Madonna delle Grazie di Matera. Il grido di allarme che stanno lanciando gli operatori sanitari, che ascoltiamo quotidianamente, è proprio motivato dalla mancanza di percorsi dedicati a questi pazienti. Non si può e non si deve improvvisare: lo dicono i migliori esperti virologi e, non ultimo anche il Vice Ministro Sileri, intervenuto recentemente in una nota trasmissione televisiva,  il quale ha dichiarato che l’uso di percorsi sbagliati  mettono  a serio rischio sia l’utenza che gli stessi lavoratori. Non comprendiamo quindi come mai, dopo otto mesi, ancora non si abbiano le idee chiare  e soprattutto non tolleriamo l’assenza grave di  percorsi chiari e di strutture attrezzate per i pazienti Covid, in preoccupante e continua crescita in regione. Non è il momento di fare polemiche e rimbalzare responsabilità su  qualcuno, ma  nemmeno possiamo   mettere la testa sotto la sabbia e rimanere inermi di fronte alle urgenze quotidiane e  alle mille difficoltà denunciate, a più riprese,  dai lavoratori. Riteniamo infatti sbagliata la scelta di sovraccaricare i P.S. di Potenza  e Matera, che sono attualmente in enorme affanno. Agli operatori di queste due unità, che sono  seriamente a rischio continuo, va il nostro plauso per la professionalità e l’abnegazione.

Ma in difficoltà saranno presto anche le UU.OO di Degenza dei due principali nosocomi che, non solo dovranno dedicarsi alle altre patologie ma, da quello che apprendiamo, dovranno farsi carico anche dei pazienti Covid positivi che sono allocati per la patologia da curare affine al reparto specialistico. Per questi pazienti vanno individuate modalità di ricovero specifiche e che possano mettere in massima sicurezza i degenti e gli operatori, al fine di  gestite al meglio le urgenze ed evitare pericolose situazioni di contaminazione.

La UIL FPL di Basilicata da sempre sta chiedendo di avere luoghi specifici esterni alle strutture ospedaliere ed in grado di contenere la diffusione del virus all’interno delle stesse, ma soprattutto chiede l’utilizzo  immediato delle strutture periferiche presenti sul territorio, alcune delle quali già attrezzate ed oggi ancora inutilizzate, a partire dagli ospedali donati dal Qatar che vanno completati nel maggior tempo possibile. Ribadiamo anche noi l’appello rivolto dai Segretari Generali qualche giorno fa: “se non siete  in grado di fronteggiare l’Emergenza da soli, fatevi  aiutare”.

La Uil FPL di Basilicata rinnova la sua disponibilità al confronto e alla individuazione dei percorsi, i più sicuri possibili. La situazione è molto grave ed  occorre il contributo di tutti. Abbiamo poco tempo. Agiamo in fretta prima che il virus ci travolga.

Il Segretario Regionale
Antonio Guglielmi
 
Il segretario Provinciale
Franco Coppola
 
Il Segretario Regionale Aggiunto
Giuseppe Verrastro

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.