Servono assunzioni straordinarie nelle Amministrazioni locali per il Recovery Plan

247

La sfida del Recovery Plan impone una forte accelerazione della Pubblica amministrazione che dovrà trasformare in azioni le riforme che il PNRR (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza) intende mettere in campo. Come sostenuto anche dall’ANCI crediamo che sia fondamentale avviare una nuova stagione di concorsi per dotare le amministrazioni locali di personale altamente qualificato e all’altezza della sfida che abbiamo difronte. Una sfida in parte raccolta dalla Regione con il piano triennale assunzionale della Sanità (1264 nuove assunzioni nel triennio), ma tutta da costruire negli altri settori della Pubblica Amministrazione. Mancano, solo in Basilicata,  oltre tremila unità tra Enti Locali e Amministrazioni Centrali dello Stato che possono rappresentare un pezzo significativo di quel piano per il lavoro che il Sindacato Confederale sta chiedendo con forza.

Ma per il Recovery occorrono risorse specifiche, all’altezza della sfida epocale che è stata negoziata a livello europeo, per uscire dalla drammatica crisi economica provocata dalla pandemia.  La necessità di assumere nuove leve deve però incrociare procedure e regole semplificate, che tengano conto sia dei meriti ma altresì dei tempi straordinari che stiamo vivendo. Per dirla con uno slogan efficace: assunzioni straordinarie per tempi straordinari. Come abbiamo già detto, la Pubblica amministrazione lucana può e deve contribuire al rilancio dell’economia locale facendo sicuramente forza su meriti e competenze già dimostrate e sulla necessaria rigenerazione della propria pianta organica. La quantità di nuove risorse da allocare, per gli enti locali, aggiunte a quelle già in essere, accrescerà  notevolmente  il  carico  di lavoro,  specialmente  in  alcuni  contesti territoriali meno dotati di competenze tecniche e gestionali per assicurare, con gli attuali strumenti dell’amministrazione ordinaria, un rapido ed efficace impiego delle risorse straordinarie. Riduzione, invecchiamento e impoverimento delle competenze  del  personale determinano oggi una vera e propria emergenza nell’emergenza, e impongono l’individuazione di misure nuove e straordinarie per l’attuazione del PNRR. Le tre chiavi di volta di questa autentica rivoluzione sono: capitale umano, semplificazione, digitalizzazione.

 

Antonio Guglielmi
Segretario Regionale UIL FPL    

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.