San Carlo, tecnica interventistica contro ipertensione arteriosa

374

“Sono già tornati a casa, ad appena due giorni dall’ operazione, due pazienti affetti da una forma di ipertensione arteriosa resistente ai farmaci e per cui, per la prima volta in Basilicata, è stata applicata una nuova tecnica interventistica”. A darne notizia l’azienda ospedaliera San Carlo di Potenza.
“Il nome della procedura è simpaticectomia renale transcatetere con radiofrequenze’, altrimenti detta ‘ablazione dell’arteria renale’. Una delle principali cause di ipertensione arteriosa è la produzione anomala di adrenalina che si tende a concentrare principalmente nelle arterie renali. Inserendo attraverso un piccolo catetere, con accesso dall’ arteria femorale, un apparecchietto che emette energia in radiofrequenza e a bassa intensità, si riduce drasticamente il problema”.
“Sono stati presentati di recente al Congresso Europeo di Cardiologia – spiega il dottor Del Prete, che ha applicato la procedura – i dati a tre anni di uno Studio, il Symplicity 2, che ha sostanzialmente raggiunto gli obiettivi prefissati di riduzione significativa dei valori pressori. Nel mondo, così come in Italia sono stati già trattati migliaia di pazienti con risultati molto soddisfacenti (fino al 95 % dei casi trattati ) e con esiti apprezzabili già a distanza di pochi giorni dalla procedura. In moltissimi casi i pazienti hanno ridotto l’assunzione dei numerosi farmaci distribuiti nelle 24 ore (fino a quattro, cinque molecole diverse), contenendone il numero fino ad un massimo di uno o due molecole differenti”.
La U.O. di Cardiologia Emodinamica, diretta dal dottor Lisanti, centro di eccellenza a livello nazionale per svolgere attività interventistica ormai orientata in tutti i settori in ambito cardiovascolare si candida a lanciare questa nuova tecnica, considerato il potenziale, consistente numero di pazienti con indicazione alla metodica stessa.
“Questa tecnica innovativa – osserva il direttore generale dell’Aor Giampiero Maruggi – può essere davvero una delle grandi soluzione al trattamento dell’Ipertensione arteriosa, considerata, ad oggi il più grave e diffuso fattore di rischio per malattie cardiovascolari. Con la sua adozione il Dipartimento del Cuore arricchisce ulteriormente la qualità della sua offerta, sempre più competitiva in ambito extraregionale. Ed è sicuramente motivo di ulteriore soddisfazione che la soluzione di un problema clinico si accompagna a un consistente risparmio per il sistema sanitario regionale”.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.