Regione: Delegazione trattante del 28/03/2014

365

Finalmente, dopo varie sollecitazioni, si è svolta venerdì 28 marzo la prima seduta della delegazione trattante della nuova legislatura, per discutere della contrattazione collettiva decentrata 2013 e della informativa sulla ristrutturazione di dipartimenti ed uffici regionali.

In merito alla contrattazione decentrata 2013, non ci sarà alcun taglio e per quest’anno, grazie ad economie individuate dal tavole tecnico e recuperate al fondo ai sensi dell’art. 16, le risorse restano invariate rispetto al 2012. Per la liquidazione, poiché si aspetta il visto del nucleo di valutazione, la UIL e gli altri sindacati hanno ribadito la necessità di pagare entro aprile la produttività ed hanno sollecitato il D.G. Marsico a fare tutte le verifiche amministrative per garantire ciò.

In merito alla ristrutturazione dei dipartimenti e degli uffici la UIL ha ribadito l’opportunità di procedere con celerità, ritenendo troppo lunghi i tempi di 7-8 mesi prospettati dall’amministrazione. Nel merito, riservandosi di presentare un documento UIL sulla governance regionale e sul rilancio dell’amministrazione regionale, il segretario UIL FPL Guglielmi, il responsabile aziendale Lorenzino e la RSU Giorgio, tra l’altro,  hanno proposto di portare a 6 il numero dei dipartimenti ( 5 della Giunta e 1 del Consiglio Regionale), di ridurre l’indennità dei dirigenti generali, di ridurre il numero degli uffici, dare incarico di dirigente ai funzionari interni, riqualificare le P.O. dando maggiore attenzione a quelle di tipo specialistico.

La UIL ha accolto  positivamente le dichiarazioni del Presidente Pittella di valorizzare il personale, inclusa la scelta di conferire gli incarichi dirigenziali ai funzionari interni. Si è sottolineata la necessità di procedere con più rapidità nella proposta di modifica della normativa regionale.

La UIL ritiene altresì che vada evitata ogni contrapposizione tra il personale dipendente ed i precari, a cui va trovata una soluzione, tenendo presente che i problemi rischiano di avvitarsi in una spirale pericolosa poiché a questi si sommano le incognite determinate dalla chiusura delle Province, dell’Arbea, ecc.

La UIL, inoltre,  chiede che da subito si inizi a discutere del fondo 2014, in modo da chiudere entro pochi mesi.

Si è ribadita, ancora una volta, la richiesta alla parte pubblica che all’ o.d.g. della prossima delegazione si affronti il problema dei colleghi che aspettano legittimamente lo scorrimento della graduatoria, ancora aperta, per la progressione verticale da C a D che a parere di questa organizzazione sindacale rappresenta una sorta di disparità di trattamento  rispetto ad altre selezioni effettuate negli anni.

La UIL ritiene che non si può evitare la sfida del cambiamento, vanno fatte scelte coraggiose per ridare dignità ai lavoratori pubblici ed alla stessa amministrazione.

Non si può rimanere ancora nella palude, la politica, la giunta regionale ed il consiglio regionale agiscano con celerità, per ridisegnare un’amministrazione regionale in grado di garantire servizi moderni ed efficienti ai cittadini.

 

Il Segretario Aziendale UIL                                                       RSU UIL Giunta Regione Basilicata

Mario Lorenzino                                              Vincenzo Barba, Luigi Brienza, Rocco Giorgio

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.