Prioritario l’alleggerimento delle liste d’attesa

454

Fotografia assolutamente sconcertante e situazione non più sostenibile, in merito ai dati diffusi nel Rapporto Pit Salute 2013 del Tribunale per i diritti del malato, presentato presso il Ministero della Salute.

La lentocrazia  nell’ambito delle liste di attesa  è una piaga la cui risoluzione non è davvero più rinviabile. Aspettare fino a 13 mesi per una mammografia o fino ad un anno per una visita urologica o pneumologica o per una colonscopia, è intollerabile e indegno per un Paese moderno e maturo come il nostro e che vanta ancora un Sistema Sanitario Nazionale tra i più competitivi a livello globale, sebbene inizi a palesare segni di cedimento.

Molteplici patologie richiedono rapidità di intervento, perché soggette ad un iter degenerativo e, dunque, occorre maggiore attenzione per una problematica così avvertita e delicata per la popolazione.

Un impianto minimo di regolamentazione non manca, ciò che invece è carente è il sistema dei controlli, sovente latitante e certamente inoperoso. Occorre intervenire con maggiore determinazione nell’efficienza dei CUP(centri unici di prenotazione), rendere più appropriate le prescrizioni e responsabilizzare i cittadini.

Parallelamente ad una task force di monitoraggio e trasparenza più incisiva e ad una lotta senza quartiere ad ogni forma di incrostazione e parassitismo, l’opzione dell’assistenza sanitaria integrativa può rivelarsi un veicolo aggiuntivo utilissimo per un massiccio snellimento del traffico d’attesa.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.