Potenza, Don Uva firmata la preintesa

407

Un pre-accordo è stato siglato ieri, al Don Uva di Potenza, fra l’azienda (Casa Divina Provvidenza) e le organizzazioni sindacali. Bisognava scongiurare l’annunciata falcidie di 72 posti di lavoro. Tanti l’azienda voleva metterne in mobilità a Potenza dove, finora, hanno operato 417 dipendenti a fronte di 463 posti letto.

Nell’ incontro di ieri, azienda e sindacati hanno concordato su alcune soluzione tecniche in grado di assicurare i risparmi richiesti dall’ azienda, cercando di limitare i danni ai lavoratori. Il primo atto è stato quello di ridurre il numero dei destinatari alla mobilità: da 72 a 56 unità. Ci sono stati infatti sedici lavoratori che hanno raggiunto l’età della pensione. Dei 56 rimanenti, altre trentadue unità si trovano nella posizione di poter maturare il diritto alla pensione nell’ arco massimo di quattro anni. Per loro, quindi, è stato predisposto un processo di accompagnamento con il ricorso all’ istituto della mobilità.

Restavano, a questo punto, ventiquattro lavoratori che, sempre secondo la Casa Divina Provvidenza, sarebbero ancora esuberi. Per costoro è stato concordato un contratto di solidarietà

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.