Nuovo Isee, obiettivo meno evasione più equità

456

Fotografia allarmante che ci deve indurre ad inasprire l’aggressione all’evasione. E’ il commento della UIL in occasione della presentazione, presso il CNEL, del rapporto di Lef (Associazione per la legalità e l’equità fiscale) che analizza l’applicazione dell’Isee in 15 anni di vita. Ai lavori ha partecipato anche il Vice Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Maria Cecilia Guerra che ha assicurato come con il nuovo Isee il fenomeno dell’evasione sarà arginato; infatti con il nuovo strumento  i dati sulle dichiarazioni dei redditi saranno presi dall’Agenzia delle Entrate, risultando quindi più attendibili e con una procedura semplificata. Inoltre ha aggiunto il Vice Ministro Guerra che rispetto ai patrimoni mobiliari, per accertarne l’esistenza o meno, saranno messi in campo taluni strumenti di controllo da parte delle Agenzie delle Entrate che rileverà l’esistenza di conti correnti e di beni mobili.

Occorre dichiarare la più convinta ostilità ai ‘furbetti’ dell’Isee i quali sottraggono ogni anno due miliardi di euro a famiglie oneste. Una lotta senza quartiere agli evasori, infatti, produrrebbe un vantaggio notevole per i nuclei familiari che dichiarano tutto, i quali ne beneficerebbero in forma di servizi di prima necessità.

L’auspicio è che il nuovo Isee possa e debba rivestire, pertanto, un ruolo di solido alleato dei contribuenti, nel segno dell’equità; risultato conseguibile in virtù di un imprescindibile impegno costante e continuo di tutti gli attori sociali coinvolti.

Ed in questa direzione  la UIL assicura tutto l’apporto necessario, a partire già dalle prossime settimane, non lasciando soli i cittadini, che mai come oggi hanno bisogno di chiarezza, certezze e giustizia.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.