No vero cambio di rotta solo con interventi correttivi alla normativa sul lavoro

344

Lo dimostrano i dati diffusi dall’Istat

Non si può pensare ad un vero cambio di rotta, rispetto al crescente e sempre più alto tasso di disoccupazione, solo con interventi correttivi alla normativa sul lavoro. Lo dimostrano i dati diffusi oggi dall’Istat.

Se si pensa di creare occupazione semplicemente erogando incentivi spot o modificando la legislazione sulle tipologie contrattuali, siamo lontani da un percorso di aiuto agli oltre 3 milioni di disoccupati, a cui vanno aggiunti gli inattivi per scoraggiamento e tutti coloro che potrebbero uscire da un percorso di  lavoro per licenziamento o per  termine della cassa integrazione.

Se non si rimettono in moto i consumi e il ciclo della crescita economico-produttiva attraverso coraggiose politiche fiscali che riducano le tasse sul lavoro e che iniettino nel mercato una maggiore capacità di spesa da parte dei cittadini, integrate da efficaci politiche industriali, sarà molto difficile creare occupazione.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.