Inps conferma che potere d’acquisto delle famiglie nel periodo 2008/2012, è diminuito

385

Governo intervenga immediatamente e aumenti le disponibilità economica di lavoratori e pensionati

L’Inps ha reso noto alcuni dati che confermano quello che la Uil sostiene da tempo: il potere d’acquisto delle famiglie, nel periodo 2008/2012, è diminuito. Questo dimostra la necessità di interventi a favore dei pensionati, azionando la leva fiscale e con la rivalutazione delle pensioni, e dei lavoratori sia con la riduzione delle tasse sia con i rinnovi contrattuali.

L’altro dato significativo è la diminuzione dei dipendenti pubblici, per effetto del blocco del turn over e dei numerosi pensionamenti, che ha prodotto un risparmio della spesa del personale. Ciò nonostante, il fabbisogno della Pubblica Amministrazione è aumentato.

Quindi non sono i dipendenti ad aver aumentato la spesa, ma i continui sprechi e il malcostume. È ancora più evidente, dunque, la necessità di intervenire per ridurre sprechi e inefficienze, come da sempre sostiene la Uil.

Bisogna che il Governo intervenga immediatamente e, nello stesso tempo, aumenti le disponibilità economiche di pensionati e lavoratori per rilanciare i consumi e far ripartire l’economia.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.