IL DON UVA STA PER CHIUDERE ?

357

L’ istanza di fallimento avviata dalla Procura di Trani nei confronti della CASA DIVINA PROVVIDENZA potrebbe aprire un nuovo doloroso capitolo della crisi che investe da alcuni anni il DON UVA e dalla quale non si riesce ad uscire, a causa della pesante debitoria accumulata e dalle perdite annuali consistenti che caratterizzano la gestione pugliese.

Anche a Potenza seguiamo con preoccupazione l’evolversi della situazione per le ripercussioni che si potrebbe avere malgrado il sostanziale equilibrio finanziario che si registra e al normale e congruo pagamento delle prestazioni da parte della Regione Basilicata.

Una crisi tutta pugliese dunque, ma con effetti purtroppo deleteri anche sulla struttura potentina.

Il Sindacato e la UIL FPL in particolare ritengono che ormai è giunto il tempo delle scelte drastiche per evitare che l’ incendio scoppiato in Puglia possa divampare anche a Potenza bruciando una realtà sana e che assicura servizi indispensabili e di qualità ai nostri cittadini.

Perciò o si è in grado di salvare Potenza e determinare un‘ autonomia sostanziale dalla Casa Madre che assicura il funzionamento dei servizi e il pagamento degli operatori, oppure bisogna individuare un nuovo soggetto capace di rilevare tutta l’attività che attualmente il DON UVA assicura.

Questo chiede la UIL FPL e questa è la posizione che porterà al tavolo permanente di crisi istituito presso il Dipartimento Regionale Sanità e Sicurezza Sociale.

 La soluzione più auspicabile qualora il DON UVA fallisse è una gestione pubblica diretta dei servizi “IN HAUSE”, capace di mantenere i livelli qualificati di assistenza e di trasferire tutti i dipendenti della Casa Divina Provvidenza di Potenza.

                                                                                  Il Segretario Aziendale

                                                                                          Luigi Mancuso

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.