Guglielmi sul trasferimento del poliambulatorio “Madre Teresa di Calcutta”

329

La UIL FPL per mettere fine alla ridda di voci in merito all’ ipotesi di trasferimento del poliambulatorio  “Madre Teresa di Calcutta” sollecita la Regione a chiarire la questione.

Per la UIL FPL non è un problema di attestazione, ma capire come questo servizio, già efficiente e qualificato, anche attestato dal gradimento dell’utenza che ivi afferisce, possa incidere sull’utilizzo degli operatori che devono essere tutelati e salvaguardati poiché sono loro a mantenere alto il livello di prestazioni presso gli ambulatori.

In particolare, è necessario capire quali risparmi si determinerebbero senza abbassare la qualità delle prestazioni che si offrono ai nostri cittadini utenti.

Il nodo fondamentale da sciogliere è la coerenza delle decisioni con il Piano Sanitario Regionale che, come è noto, prevede che alcune prestazioni sanitarie, disciplinate da norme del SSN e del SSR, devono rispondere esclusivamente alla territorialità dei servizi, mentre l’Azienda Ospedaliera S. Carlo deve proseguire sulla strada che già sta percorrendo con successo e che è quella dell’eccellenza per frenare la mobilità sanitaria in uscita ed attrarre quella in entrata. Perciò, la Regione farebbe bene piuttosto a dare corso, per esempio, alla costruzione del Centro di Riabilitazione di eccellenza e della struttura  degli ambulatori a Pescopagano, comune nel quale questo processo di integrazione tra Azienda San Carlo ed ASP è già in fase avanzata.

Solo così si mettono in campo politiche sanitarie pubbliche  virtuose coordinate tra loro.

 

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.