Grande successo del Convegno UIL-FPL alle Giornate della Polizia Locale-Riccione

300

downloadLa XXXIII edizione del Convegno Nazionale di Riccione è stata l’ennesima prova della forza e vitalità della nostra organizzazione sindacale. La sessione organizzata dalla UIL FPL dal titolo “Quale Riforma per la Pubblica Amministrazione? Quale Riforma per  la Polizia Locale?”, ha, infatti, visto una partecipazione straordinaria dei nostri quadri e dirigenti sindacali, di iscritti, di lavoratrici e lavoratori del settore.

In un momento particolarmente complesso e delicato del confronto politico-istituzionale in atto nel paese, caratterizzato da un’aggressione senza precedenti nei confronti del Pubblico Impiego e del Sindacato, da una diminuzione dei diritti e delle tutele, da un taglio del 50% delle libertà sindacali,  le lavoratrici ed i lavoratori della Polizia Locale, utilizzando le proprie ferie ed i propri permessi, hanno invaso in massa il Palazzo dei Congressi di Riccione, dimostrando ancora una volta la capacità del sindacato di stare in mezzo alle persone che rappresenta, di confrontarsi, di metterci la faccia, di cercare risposte concrete alla difficile situazione in cui versa il sistema- paese.

La sessione è stata caratterizzata da un dibattito estremamente qualificato, che ha visto la partecipazione del  Sottosegretario al Ministero degli Interni Domenico Manzione, del Sindaco di Bari Antonio Decaro, dell’On. Marco Di Stefano, di Comandanti di importanti città come il Comandante di Genova, di Palermo, della Polizia Provinciale di Roma ed è entrata nel merito dei recenti provvedimenti sulla Pubblica Amministrazione, sul riassetto istituzionale del territorio, sulle problematiche dei Corpi di Polizia Locale.

E’ emersa con forza la necessità di cancellare  la proroga del blocco dei contratti, di trovare soluzioni mirate per gli appartenenti ai corpi di Polizia Locale, data la specificità di tale categoria professionale e soprattutto, in considerazione anche del dibattito in corso in merito al processo di razionalizzazione delle forze di Polizia dello Stato, è stato ribadito e condiviso l’obiettivo di procedere ad una riforma complessiva della Polizia Locale, modificando l’ormai obsoleta legge 65/86, sulla base del riassetto istituzionale in atto nel paese e del ruolo insostituibile, nelle politiche per la sicurezza , degli appartenenti ai corpi di Polizia Locale.

Altrettanto interessante e partecipata l’iniziativa del mattino: “La Polizia Locale in sicurezza. Obiettivo prevenzione e tutela del danno”, in cui è stata presentata un importante iniziativa in collaborazione con l’Ital e l’Università La Sapienza,nell’ambito dell’impegno comune e condiviso sui temi della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. L’iniziativa è modulata in una ricerca interattiva e partecipata, prevedendo la distribuzione ai lavoratori di un questionario mirato ad intercettare la percezione dei rischi nel proprio settore lavorativo, selezionando, nelle domande contenute nel questionario, gli agenti di rischio legati allo stress lavoro correlato, disturbi muscolo scheletrici, rischi chimici ed ambientali.

I questionari saranno diffusi su un  portale dedicato, sul quale gli operatori della Polizia Locale potranno accedere tramite password e compilare velocemente le risposte.

Parallelamente alla distribuzione del questionario, dal gruppo di lavoro costituito per lo sviluppo della ricerca, verrà raccolta la principale documentazione scientifica e i Documenti di Valutazione dei Rischi (DVR) delle Aziende dove si effettuerà l’indagine.

I risultati della ricerca verranno raccolti in un opuscolo informativo contenente anche le indicazioni per eventuali soluzioni per l’abbattimento dei rischi. Obiettivo fondamentale cancellare l’art. 6 del Decreto Monti ed estendere i benefici derivanti dagli istituti dell’equo Indennizzo, della causa di servizio e della pensione privilegiata anche agli appartenenti ai corpi di Polizia Locale, in analogia con gli altri corpi di polizia.

Un pacchetto di proposte ed iniziative, estremamente interessante, che si unisce alle azioni di lotta  proclamate a seguito degli esecutivi unitari di Cgil, Cisl e Uil il 19 settembre, per rimuovere il blocco dei contratti e contrastare una politica sempre più miope e tesa soltanto a cancellare tutele e diritti nel mondo del lavoro.

Vogliamo, infine, esprimere il nostro ringraziamento alle nostre strutture territoriali, ai nostri iscritti, alle lavoratrici ed ai lavoratori per l’impegno profuso per la buona riuscita della manifestazione.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.