Dati Banca d’Italia indicano che nonostante tagli debito non scende

335

I dati emersi dal bollettino statistico della Banca d’Italia indicano che, nonostante le tante manovre economiche di tagli che si sono susseguite fino ad oggi, il debito non scende e, quindi,bisogna invertire le scelte di politica economica: abbandonare le politiche di austerity e puntare allo sviluppo.

È, questo, l’unico modo per rilanciare l’economia e abbattere il debito.

Nello stesso tempo, il fabbisogno della P.A. continua ad aumentare, nonostante il salario individuale dei pubblici dipendenti sia  rimasto invariato dal 2010, i contratti  collettivi, nazionali e aziendali, siano bloccati e l’occupazione sia in calo.

Bisogna, pertanto,  puntare all’aumento del potere di acquisto dei salari, rinnovando i contratti pubblici per rilanciare i consumi e ridurre sprechi e spese inutili, come ad esempio le consulenze o le spese per consigli di amministrazioni delle tante società pubbliche.

 

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.