Buone notizie: il Consiglio regionale della Basilicata decide sui precari covid e sull’infermiere di famiglia

193

Il Consiglio Regionale di Basilicata del 09/11/2021  ha scritto  una bella pagina in  favore  dei  precari della sanità lucana impegnati durante la battaglia contro il Covid di questi mesi. E’  stato infatti  approvato all’unanimità l’emendamento del consigliere Polese, al quale va dato atto dell’impegno profuso in questo senso, in merito  all’eliminazione della prova preselettiva prevista nei concorsi unici regionali, così da dare un giusto riconoscimento a questi lavoratori.
Lo stesso Consiglio, inoltre, ha approvato  una proroga  dei contratti di lavoro del personale del comparto e della Dirigenza fino ad un massimo di 36 mesi assunti per far fronte all’emergenza COVID 19  e con eventuale possibilità di stabilizzazione agganciata ai piani triennali dei fabbisogni del personale delle Aziende Sanitarie ASM,ASP,IRCCS CROB,AOR San Carlo. Di grande importanza è altresì l’approvazione della legge che istituisce l’infermiere di famiglia e di comunità, insieme agli ambulatori territoriali infermieristici e alle farmacie di comunità.

L’Assessore Leone nel corso del dibattito consiliare, ha dichiarato che comunque era in corso di approvazione una Delibera di Giunta che avrebbe eliminato la prova preselettiva per gli operatori precari impegnati nel Covid.  Siamo contenti che sia la Giunta Regionale che  l’intero Consiglio  si siano espressi favorevolmente su questo provvedimento che come  UIL FPL abbiamo diverse volte sollecitato, investendo a più riprese la  IV Commissione Consiliare che certamente si è dimostrata particolarmente sensibile nei confronti di questo tema e del personale interessato. Ricordiamo che in Basilicata sono circa 400 i precari complessivamente assunti nelle varie Aziende Sanitarie nel corso di questa drammatica Pandemia ed una parte di essi, circa 300 tra  infermieri,  OSS, i tecnici di laboratorio, ostetriche e   tecnici di radiologia, potrà finalmente beneficiare degli effetti di questa legge regionale. Vi è inoltre un’altra  platea  di operatori sanitari, circa 150 unità, che ha già maturato i requisiti previsti della “Legge Madia“ e che saranno stabilizzati entro fine anno, legandoli così ai piani del fabbisogno 2022-2024 di prossima approvazione regionale.  Sono ancora in corso inoltre  le procedure dei concorsi unici regionali che potranno garantire ulteriore  stabilità al lavoro in sanità.

La UIL FPL, pertanto, nel ringraziare tutti i consiglieri regionali per questo atto di grande atto di civiltà e per aver dato l’avvio ad  un rafforzamento della medicina territoriale, attende anche la prossima legge di Bilancio 2022 che il Governo si appresta a varare e nella quale ci dovrebbero essere ulteriori novità in favore di chi non si è mai risparmiato e mai lo farà nella lotta contro il Covid, fino a mettere a rischio la propria salute e la propria vita.

Potenza,10/11/2021

Il Segretario Regionale UIL FPL
Antonio Guglielmi
Il Segretario Regionale aggiunto UIL FPL
Verrastro Giuseppe

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.