Basilicata virtuosa per la vaccinazione contro Papilloma

382

La Basilicata è tra le otto regioni italiane “più virtuose” per quanto riguarda il progetto per il vaccino dell’Hpv (Papilloma virus), fornito gratuitamente dal sistema sanitario regionale: invece, tra le sei regioni che hanno un software unico su tutto il territorio anagrafi vaccinali la sanità lucana si distingue “ad esempio, da Lombardia ed Emilia Romagna, dove le Asl hanno in dotazione software differenti da un’azienda all’altra”.

Sono alcuni dei dati che emergono dal Rapporto 2012 dell’Osservatorio civico sul federalismo in sanità di Cittadinanzattiva, presentato oggi a Roma: “Non ci coglie di sorpresa anzi ci fa particolarmente piacere – ha spiegato l’assessore regionale alla Salute, Attilio Martorano, attraverso l’ufficio stampa della giunta – sapere che Cittadinanzattiva abbia certificato le buone performance della Basilicata in tema di spesa diretta alla prevenzione vaccinale, con particolare riferimento alla dotazione del registro delle anagrafi vaccinali e al raggiungimento degli obiettivi fissati dal Piano nazionale 2012-2014 per la copertura del vaccino dell’Hpv, cosiddetto papilloma virus”.

Quelli indicati nel rapporto “sono obiettivi importanti – ha concluso Martorano – che ci incoraggiano a promuovere nuove politiche di prevenzione e a consolidare quelle già in essere, con l’obiettivo di tenere alta la vigilanza in materia di prevenzione di quelle malattie che possono e devono essere arginate con buone ed efficaci campagne di vaccinazione”.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.