Approvare in fretta la legge sui “Consorzi Comunali”

48

La UIL FPL di Basilicata ha inviato nel mese di Febbraio 2021 una comunicazione a tutti gli  ATS del territorio affinché  procedessero  all’indizione di avvisi e concorsi per l’inserimento in pianta organica degli assistenti sociali e delle varie figure professionali che sono finanziate oggi con il fondo PON Inclusione. La legge di Bilancio 2021 ha offerto l’opportunità di assumere e stabilizzare, presso gli enti locali, figure professionali centrali per le comunità, quali gli assistenti sociali. Come indicato dalla circolare del Ministero del Lavoro,  afferente alle disposizioni per il potenziamento del sistema dei servizi sociali comunali, le amministrazioni possono finalizzare l’assunzione a tempo indeterminato di assistenti sociali in funzione del raggiungimento di  un livello  essenziale  delle  prestazioni  di  assistenza  sociale definito  da un  operatore  ogni  5.000  abitanti  in ciascun Ambito  Territoriale Sociale  (ATS) del  territorio nazionale.

La UIL FPL, tuttavia rileva che ad oggi molti Ambiti Territoriali della Basilicata, nonostante rispettino i parametri della legge, non stanno ancora  procedendo in tal senso. A questi, la scrivente chiede di cogliere l’opportunità di stabilizzare o assumere nuove risorse umane al fine di potenziare i servizi territoriali per i cittadini, considerati livelli essenziali di assistenza (LEA). Sebbene sia  stata fatta una proroga dei contratti fino al 31 .12 .2021, chiesta in una riunione che si è tenuta tra ANCI, Regione e OSS,  occorre oggi che si proceda in fretta a chiudere la vicenda di istituire, con apposita legge Regionale, i cosiddetti “Consorzi Comunali”, che consentirebbero ai piccoli comuni di aggregarsi e di raggiungere i parametri che la legge impone, nonché di rispettare i  tetti di spesa in materia  del personale dei Servizi Sociali, che oggi più che mai, con l’arrivo dei fondi PNRR, è importante adempiere al fine di garantire l’efficacia e l’efficienza, e la qualità dei Servizi Sociali presenti sul territorio. In alcuni ambiti, inoltre, queste figure professionali (Assistenti sociali) vengono oggi utilizzate anche su altri comuni dello stesso ATS, a causa delle dimissioni di assistenti sociali, con un grave incremento del carico di lavoro sul personale ancora in servizio. Tutto ciò poteva essere evitato ricorrendo al fondo Povertà che prevede l’assunzione di nuovo personale anche attingendo (in assenza di proprie graduatorie valide) a graduatorie di altri enti. La UIL FPL infine invita la Regione ad approvare tempestivamente la norma Regionale inerente a quanto finora esposto, e chiede agli Ambiti Territoriali della Basilicata che hanno i requisiti previsti dalla legge, di procedere alla stabilizzazione degli assistenti sociali già in servizio ed ad assumere nuove unità per potenziare i servizi sociali professionali.

Il Segretario Regionale Aggiunto
Giuseppe Verrastro

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.