Varati i provvedimenti dal Consiglio dei ministri

261

 

COMUNICATO STAMPA

I provvedimenti varati dal Consiglio dei ministri nella serata di ieri puntano a coprire situazioni di emergenza: si è privilegiata una soluzione dalla forte valenza politica più che economica.

Per quel che riguarda in particolare l’Imu, si è scelta la strada salomonica di abolirla per tutti, salvo poi prevedere, in forme e modalità diverse, una sua sostanziale reintroduzione il prossimo anno, con ripercussioni anche sugli inquilini.

Peraltro, è il sistema della fiscalità locale, nel suo insieme, che presenta incongruenze e disomogeneità, con la persistenza delle addizionali Irpef, che continueranno ad aggiungersi alla costituenda “service tax”, e con l’incombente introduzione della nuova tassa rifiuti.

Questi provvedimenti non sono sufficienti a rimettere in moto l’economia.

Dal Governo ci aspettiamo un forte impegno per la riduzione delle tasse sul lavoro dipendente e sulle pensioni: queste sono le scelte che possono generare una ripresa dell’economia e un’inversione dei preoccupanti dati sull’occupazione.

A quest’ultimo proposito, peraltro, l’intervento previsto per il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga si configura come parziale e temporaneo e può aprire la strada ad una stretta delle prestazioni.

E’ positivo, invece, l’impegno a favore degli esodati. Tuttavia, anche questo provvedimento non può ancora considerarsi esaustivo della complessa questione ed è quindi auspicabile che si prosegua lungo la strada della definitiva soluzione del problema.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.