SOTTOSCRITTO L’ACCORDO QUADRO PER IL RINNOVO DEI CONTRATTI NEL PUBBLICO IMPIEGO

25

images-12Dopo anni di blocco, finalmente è stato sottoscritto l’accordo per l’avvio della contrattazione per il Rinnovo dei Contratti del Pubblico Impiego.

Grazie alla mobilitazione di questi mesi dei lavoratori e al lavoro e alla determinazione di CGIL, CISL e UIL, si chiude una delle pagine più brutte di demonizzazione dei lavoratori della Pubblica Amministrazione e si scrive un capitolo nuovo nelle relazioni sindacali tra Governo e Parti Sociali.

Al di là del merito, l’Accordo è importante perché si riconosce ai dipendenti pubblici il diritto ad avere un contratto di lavoro che per alcuni anni è stato messo in discussione e si prende atto dell’alto valore del lavoro pubblico come strumento primario per garantire i diritti dei cittadini e per promuovere lo sviluppo.

L’accordo prevede l’impegno che per il triennio 2016-2018 ci siano incrementi contrattuali in linea a quelli riconosciuti mediamente ai lavoratori privati e comunque non inferiori a € 85, 00 medi mensili. Inoltre, è previsto che gli stessi incrementi contrattuali non incideranno sul bonus degli 80 euro. L’aumento contrattuale, infatti, non determinerà né l’eliminazione né la riduzione dei precedenti €80. Inoltre, è stata ristabilita la centralità della contrattazione integrativa valorizzando molto la presenza e il merito. Parliamo di 5 miliardi di euro nel triennio 2016/2018 per il rinnovo in tutti e quattro i comparti della P.A. che, con i tempi che corrono, non sono cosa da poco.

A ciò bisogna aggiungere la correzione delle norme sia della Legge Brunetta che della buona scuola. Viene rilanciata, quindi, con forza la partecipazione dei lavoratori e del sindacato rispetto all’organizzazione del lavoro e alla valorizzazione delle professionalità con un sostanziale superamento degli atti unilaterali da parte delle Pubbliche Amministrazioni.

Infine, abbiamo ottenuto dal Governo l’impegno ad assicurare il rinnovo dei contratti precari con la pubblica amministrazione, attualmente in essere e di prossima scadenza, in vista di una definitiva regolamentazione da realizzarsi con la riforma del testo unico del pubblico impiego.

Nei prossimi giorni FP CGIL , CISL FP e UIL FPL organizzeranno assemblee sui posti di lavoro per illustrare i termini dell’Accordo.

                  FP CGIL                                CISL FPL                                   UIL FPL

                   R. Laurino                        E. Pennacchia                           A. Guglielmi

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.