Quest’anno nozze d’argento per il concertone del primo Maggio

85

download (1)E’ una festa, ma bisogna riflettere sulla tragedia dei migranti

Quest’anno nozze d’argento per il concertone del Primo Maggio. Va avanti da 25 anni il connubio tra i sindacati e la Rai per la realizzazione di un evento straordinario, il cui livello qualitativo è in costante ascesa.

Lo slogan scelto per l’occasione è: la solidarietà fa la differenza. Avevamo costruito questa impostazione prima che accadesse la recente catastrofe nel Mediterraneo. Ora la questione è ineludibile: l’Europa deve farsi carico di risolvere questa tragedia umanitaria e porre fine alla tratta dei migranti. Bisogna fare fronte comune nei luoghi da cui parte questo esodo biblico e realizzare corridoi umanitari per consentire ai rifugiati di raggiungere diverse località nel Continente europeo. La pace e la democrazia si esportano con la cooperazione e non certamente con i carri armati, altrimenti rischiamo di importare con i barconi anche il terrorismo.

Ai giovani che parteciperanno in massa al primo Maggio, in Piazza San Giovanni, occorre far giungere anche un altro messaggio: offrire loro la speranza in un futuro migliore, in cui solidarietà e lavoro non siano più un miraggio. Mi auguro, dunque, che sia a Pozzallo, in mattinata, sia a San Giovanni, nel pomeriggio, sia un Primo maggio di festa, sì, ma anche di riflessione e di impegno.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.