Qualche luce sull’occupazione, ma ancora troppe ombre

169

La costante, anche se tenue, crescita del tasso di occupazione, dato più significativo tra i tanti parametri disponibili sul tema del lavoro, segnala come la corrispondenza tra la “crescita economica” e la quantità di lavoro sia, ormai, consolidata. Una piccola luce che sottolinea come, disperatamente, il Paese debba puntare su un rilancio del sistema produttivo, innovativo e competitivo.

Nel contempo, ed ecco le ombre, emergono da mesi due caratteristiche preoccupanti: la sofferenza degli under 49 (crescita degli occupati più bassa ) ed il privilegiare, dato recente che sembra consolidarsi, del lavoro temporaneo. In sintesi, sembra che il sistema delle imprese reagisca  alla “ripresina” con prudenza ed è anche per questo che i prossimi interventi di politica economica non dovranno essere depressivi ma espansivi: a partire dalla riduzione delle tasse sul lavoro sia per dar fiato ai consumi sia per incentivare le imprese virtuose ad investire in contratti di lavoro stabili.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.