Presunta crescita dovuta a crollo dei prezzi e frenata dell’inflazione

291

I salari sono fermi nella P.A.

Due notizie sono state rilevate dell’Istat sulla situazione economica degli italiani che sembrerebbero, a prima vista, contraddittorie, ma non lo sono.

La prima è relativa al fatto che nel mese di settembre, le retribuzioni degli italiani sono rimaste ferme rispetto ad agosto, mentre hanno subito una variazione positiva su base annua.

Questa presunta crescita è dovuta al crollo dei prezzi e alla conseguente frenata dell’inflazione che è ridotta ai minimi termini per la recessione in atto e non a un aumento vero e proprio.

La seconda è relativa al fatto che, dopo alcuni mesi di rialzo, ad ottobre, il clima di fiducia dei consumatori è tornato a essere in calo.

Senza misure adeguate, come rivendicato dal sindacato, le difficoltà delle famiglie italiane e dell’economia aumenteranno.

Guardando poi ai settori in cui sono aumentati i salari, si è registrato un tendenziale aumento nel comparto privato, mentre sono fermi nella P.A..

Oltretutto la conferma del blocco dei contratti per i lavoratori pubblici, anche per quest’anno, previsto dalla legge di stabilità, non fa che aggravare la situazione.     

È necessario, dunque, uscire da questa spirale negativa e aiutare le famiglie, i lavoratori, le imprese e i cittadini, modificando profondamente la politica economica, riformando la fiscalità e aumentando il potere di acquisto per ricreare fiducia. 

Bisogna, infine, ridare fiato a un Paese allo stremo, dando più soldi ai lavoratori, rinnovando i contratti ancora aperti, a partire dal pubblico impiego, per il triennio 2013-2015 e riducendo realmente la tassazione sul lavoro e sulle pensioni.

Articolo precedenteComunicato
Articolo successivoComunicato
La Unione Italiana del Lavoro Federazione Poteri Locali è un’organizzazione sindacale democratica che, prescindendo dalle convinzioni politiche e religiose dei suoi aderenti associa i lavoratori appartenenti a tutti i ruoli, profili e posizioni funzionali previsti nei settori delle Autonomie Locali, della Sanità e del Terzo Settore.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.