Per la UIL insostenibile uno scambio ”meno IMU, più IRPEF comunale”

198

Bene la moratoria sull’IMU, ma l’emergenza è disinnescare gli aumenti della TARES e dare certezza di risorse aggiuntive per la cassa in deroga.

Ad oggi, infatti, tra aumenti di imposte (1,9 miliardi di euro per la TARES) e il fabbisogno per gli ammortizzatori in deroga (1,5 miliardi di euro), occorre trovare tra le pieghe dei Bilanci pubblici 3,4 miliardi di euro, a cui vanno aggiunti i 2 miliardi di euro dell’acconto di Giugno dell’IMU sulla prima casa.

D’altronde, con gli aumenti previsti, la TARES peserebbe, nel 2013, per una casa di 80 mq.,  più dell’IMU, con un esborso medio di 305 euro a fronte dei225 euro medi dell’IMU.

E’ positivo, spiega Guglielmo Loy Segretario Confederale – UIL, rivedere l’IMU nell’ambito della revisione complessiva del federalismo fiscale, tra l’altro auspicata anche dai “Saggi”:  a tal fine sarebbe opportuno riunire in un’unica imposta l’Imu e la TARES con l’eliminazione dell’Addizionale Comunale IRPEF.

E’ questo un modo per iniziare a diminuire le tasse sul lavoro. D’altronde già in campagna elettorale la UIL, commenta Loy, aveva posto il tema di una riforma complessiva della fiscalità locale, perché se si procede per singoli punti si corre il rischio di dare risposte a un tema sentito come quello dell’IMU, ma il risultato potrebbe essere quello di aumenti della pressione fiscale dell’IRPEF locale e della TARES.

In ogni caso per quanto riguarda l’IMU sulla prima casa, non c’è alcun dubbio che essa vada alleggerita non genericamente, ma con un sistema  legato al reddito ISEE.

Così come non vorremmo che, a causa dell’incertezza sulla persistenza dell’IMU, i Comuni a corto di liquidità siano costretti ad aumentare l’IRPEF, che già pesa per 142 euro medi per singolo contribuente.

Cosa questa che sta già avvenendo nei fatti, se è vero che ad oggi su 282 Comuni che hanno deliberato l’IRPEF Comunale per il 2013, il 33,7% (95 municipi), ha rivisto al rialzo le aliquote.

Da una proiezione sull’IMU, inoltre, ad oggi su un campione di 18 Città capoluogo che hanno deliberato le aliquote per il 2013, 3 di esse hanno aumentato l’aliquota della prima casa (Napoli dal 5 al 6 per mille; Bologna dal 4 al 5 per mille e Asti dal 4 al 6 per mille per gli immobili di pregio).

13 Città hanno, invece, mantenuto inalterate le aliquote dello scorso anno e soltanto 2 Città l’hanno diminuita (Brescia dal 4 per mille al 3,5 per mille e Pavia dal 5,3 per mille al 4,9 per mille).

Più pesante sul versante delle seconde case con 6 Città che hanno proceduto ad aumenti dell’aliquota (Aosta, Asti, Ferrara, Pavia, Salerno e Treviso); 11 Città hanno confermato le aliquote dello scorso anno (tra l’altro già variate in aumento rispetto all’aliquota base e nella maggioranza con l’aliquota massima del 10,6 per mille) e soltanto una Città (Carbonia), ha rivisto al ribasso la propria aliquota.

I COSTI MEDI PRO CAPITE DELL’IMU: LA TOP TEN

PRIMA CASA NELLE CITTA’ CAPOLUGO

I dati di riferiscono ai versamenti medi effettuati nel 2012 per la prima abitazione pubblicati dal Ministero dell’Economia

CITTA’

ALIQUOTA

PRIMA CASA

COSTO MEDIO PRO CAPITE

Siena

5,5

    567,04

Roma

5

    537,07

Torino

5,75

    474,84

Caserta

6

    424,16

Livorno

5,8

    410,33

Padova

4

    392,40

Napoli

5

    378,80

Genova

5

    372,38

Cagliari

5

    350,66

Ancona

4,8

    341,48

Media nazionale

4,23

224,75

LA TENDENZA DELL’IMU ANNO 2012-2013:

LE ALIQUOTE NELLE CITTA’ CAPOLUOGO

 

Città Anno 2012 Anno 2013 Differenza prima casa Differenza seconda casa
Aliquota prima casa Aliquota seconda casa Aliquota prima casa Aliquota seconda casa
Aosta 4 9,6 4 10,6 conferma aumenta
Asti 4 9 4/6 10,6 aumenta aumenta
Avellino 5,5 9,5 5,5 9,5 conferma conferma
Bologna 4 10,6 5 10,6 aumenta conferma
Brescia 4 10,6 3,5 10,6 diminuisce conferma
Carbonia 4 9,6 4 8,6 conferma diminuisce
Cesena 4 10,6 4 10,6 conferma conferma
Ferrara 4 9 4 10,6 conferma aumenta
Forlì 5,5 9,8 5,5 9,8 conferma conferma
Napoli 5 10,6 6 10,6 aumenta conferma
Pavia 5,3 8,4 4,9 9,8 diminuisce aumenta
Pisa 4 10,6 4 10,6 conferma conferma
Pistoia 4 9,6 4 9,6 conferma conferma
Salerno 4,7 8,3 4,7 10,6 conferma aumenta
Sondrio 4 9,8 4 9,8 conferma conferma
Trento 4 7,83 4 7,83 conferma conferma
Treviso 4 8,3 4 8,7 conferma aumenta
Udine 4 9,8 4 9,8 conferma conferma

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.