Osp. San Carlo, direzione su riorganizzazione

290

“La riorganizzazione del Dipartimento dei Servizi diagnostici terapeutici, contestata dai sindacati medici, – precisa una nota della Direzione dell’Aor San Carlo – è un atto che prende le mosse dalla programmazione regionale, in quanto la Regione con il nuovo piano sanitario ha rimodulato i reparti senza posti letto e noi abbiamo provveduto ad adeguare la struttura dell’Aor al nuovo quadro normativo”.
“Nel merito del provvedimento – precisa la nota – è evidente che l’obiettivo della riorganizzazione è quello di tendere ad un miglioramento complessivo del servizio, sia in termini quantitativi che qualitativi, in linea con l’esigenza di dotare il San Carlo di modelli improntati a maggiore efficienza, come del resto chiesto da molte sigle sindacali. Il San Carlo continuerà ad erogare prestazioni efficaci ed efficienti e quindi l’eccellenza finora assicurata resterà garantita perché restano immutate le professionalità impegnate e le complesse dotazioni logistiche e tecnologiche del Dipartimento”.
“Del resto – osserva la Direzione aziendale – gli stessi sindacati che contestano il provvedimento ne fanno una questione di ‘relazioni sindacali’, di ‘atto unilaterale’ di ‘vanificazione delle regole contrattuali’. Invece la materia contestata, essendo un atto di macro-organizzazione, in base alle norme vigenti non è oggetto di concertazione né tanto meno di contrattazione”.
“Avendo – conclude la nota dell’Aor San Carlo – comunque a cuore le relazioni interne e il mantenimento di un clima positivo e costruttivo in azienda la Direzione del San Carlo ha invitato la parte sindacale a un ulteriore approfondimento conoscitivo sul tema, convocando una riunione per mercoledì 23 alle ore 17”.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.