Ora una legge di bilancio che sfidi le politiche di austerità

58

industriacalo_largeConti economici trimestrali sono la fotografia di un Paese che è ancora convalescente dopo anni di lunga crisi, con una crescita moderata fatta, purtroppo, di tanti e troppi “zero virgola”.

Da una parte diminuisce il rapporto deficit/PIL, diminuisce (poco) la pressione  fiscale, vi è un timido segnale di ripresa degli investimenti e un aumento dei prezzi. Dall’altra, invece, vi è un’economia in stagnazione, con la crescita del PIL che resta al palo, i consumi interni che sono stazionari – soprattutto per il brusco rallentamento della spesa della Pubblica Amministrazione – e il reddito delle famiglie è in aumento a causa del rallentamento dei prezzi al consumo.

Se il nostro Paese vuole invertire questa tendenza si deve puntare su una crescita più sostanziosa, sugli investimenti pubblici e privati e sul rilancio dei consumi.

La nota di aggiornamento del DEF sembra dare una prima, ma parziale, risposta al tema della crescita e pertanto auspichiamo che la prossima Legge di bilancio sfidi le politiche di austerità e sia una manovra espansiva che con coraggio scommetta veramente su crescita e investimenti.

I cardini che proponiamo per la prossima Legge di Bilancio Radicale sono: rivisitazione del Patto di Stabilità europeo, lotta all’economia irregolare e all’evasione fiscale e al lavoro sommerso, accelerazione della spesa pubblica, soprattutto dei fondi comunitari.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.