Media terzo trimestre dimostra ennesimo calo produzione industriale

230

Il problema resta la politica di austerity che l’Europa ci impone

Nella media del terzo trimestre, luglio-settembre, l’indice della produzione industriale ha registrato l’ennesimo calo. Infatti, nei primi nove mesi dell’anno la produzione industriale è scesa significativamente rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Tutto ciò conferma che il Paese avrebbe bisogno di uno shock perché, essendo in una fase di recessione perenne, non si intravedono sbocchi a breve.

Siamo al punto di svolta: bisogna, immediatamente, agire in materia economica e fiscale con provvedimenti utili per rilanciare la produzione. Non basta, come fa la legge di stabilità, enunciare che ci sarà una riduzione delle tasse sul lavoro, bisogna realizzarla significativamente. Non si può aspettare ancora.

Il problema resta la politica di austerity che l’Europa ci impone: è lì che bisogna vincere la partita modificando questa impostazione che ha prodotto moltissimi danni a tanti paesi europei.

Le azioni e gli interventi che saranno intrapresi e che avranno un riscontro forte nel tessuto sociale del Paese non dovranno servire solo per legittimarsi a livello europeo, ma si dovranno inquadrare in un progetto unitario di vera riforma dell’intera società italiana, del mondo industriale e del lavoro.

Infine, senza indugi, bisognerebbe intervenire per sostenere le imprese con la possibilità di un accesso al credito più facile e con investimenti di risorse per finanziare infrastrutture, ricerca e innovazione e garantire occupazione, aumentando salari e pensioni. Questa era la svolta che si chiedeva alla legge di stabilità, ma è mancato il coraggio di farlo. Per questo i sindacati hanno proclamato lo sciopero ed hanno avanzato proposte concrete ed incisive.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.