Infanzia: Cgil Cisl Uil, ok apertura Madia, servono urgenti investimenti

48

images (1)“Accogliamo positivamente l’apertura ad un confronto da parte della ministra della Pa, Marianna Madia, a partire dalla mappatura del personale a tempo determinato impegnato nel settore. I servizi pubblici rivolti all’infanzia sono al collasso: sempre più a rischio asili nido e scuole di infanzia pubblici mentre avanza la privatizzazione senza garanzia alcuna sulla qualità dei servizi offerti”. È quanto si legge in una nota di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl.

Il settore, spiegano i sindacati, “soffre gravi carenze di organico, in parte coperte dal ricorso spinto a forme di lavoro flessibili, insieme ad un’età media del personale alta e alla quasi totale assenza di turn over. Temiamo – proseguono i sindacati – che per rispettare la sentenza della Corte di giustizia europa, la quale prevede di non superare i 36 mesi di precariato, si scelga la strada del licenziamento in tronco di lavoratrici e lavoratori impegnati nel settore da anni. Tutto questo non potrà che compromettere l’apertura di scuole ed asili a settembre”.

In generale, secondo Cgil Cisl e Uil, “il confronto con la ministra Madia servirà anche ad accendere un faro, a fronte dell’obiettivo che il governo si è posto sull’integrazione del percorso educativo 0 – 6 anni, sullo scarso, se non pressoché nullo, investimento pubblico nel settore scolastico-educativo. Un settore – aggiungono -, piegato dai tagli della Spending review che stanno mettendo a dura prova la tenuta dei servizi offerti dalle scuole di infanzia e dagli asili nido, colpendo le condizioni delle lavoratrici e dei lavoratori coinvolti”. Secondo le tre sigle sindacali “il tema è ampiamente sottovalutato benché riguardi il futuro stesso del paese. Per questo alla ministra Madia sottolineeremo la necessità di urgenti investimenti nel settore, a partire dallo sblocco delle assunzioni e del turn over, nel rispetto dei lavoratori e per garantire migliori servizi pubblici ai cittadini, per quello che deve essere un diritto garantito”.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.