Il presidente del Consiglio va veloce, ma non può fare riforme senza il sindacato

212

UIL_FPL_1Il presidente del Consiglio “va veloce” ma non puo’ fare le riforme senza il sindacato. E’ il messaggio lanciato al governo dal segretario generale della Uil,nel suo intervento al Congresso della Cgil in corso a Rimini.

Noi non siamo amanti della concertazione: l’abbiamo dimenticata, siamo laici non siamo orfani, non andiamo a rivendicare il dialogo sociale. Non chiediamo al presidente del Consiglio di essere come Merkel ma come Cameron e Rajoy, come i conservatori che hanno rapporti normali con il sindacato.

Il Presidente del Consiglio e’ simpatico, e’ veloce, comunica bene, ma l’impressione e’ che considera i sindacati come propri dipendenti, forse pensa ancora di essere il sindaco, ma si deve fare una ragione del fatto che il sindacato e’ rappresentazione di massa, indipendente e pensa con la sua testa.

Noi siamo uno strumento e non siamo il fine, il fine sono le persone che rappresentiamo. Faccio gli auguri profondi e veri alla Cgil perche’ il suo successo o insuccesso condizionera’ il successo o l’insuccesso della Cisl e della Uil. Ora siamo davvero nella stessa barca”. Cerchiamo di essere ottimisti, come disse il direttore del New York Times a Reagan: noi c’eravamo prima che tu arrivassi e ci saremo dopo che saremo andati via. 

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.