Foccillo: I dati certificano grave disagio calo potere d’ acquisto salari

322

 

 Aumento inflazione riduce potere d’acquisto lavoratori e pensionati

 DICHIARAZIONE DI ANTONIO FOCCILLO, SEGRETARIO CONFEDERALE UIL

 Ancora una volta i dati sull’economia italiana certificano e confermano il grave disagio del continuo calo del potere d’acquisto dei salari. L’aumento dell’inflazione continua a ridurre il potere d’acquisto dei lavoratori e dei pensionati. I prezzi dei generi di prima necessità aumentano del doppio rispetto agli incrementi salariali.

 Non si esce da questa spirale negativa se non si affrontano misure concrete per il rilancio del sistema produttivo puntando sulla crescita dei consumi con l’aumento adeguato dei salari e delle pensioni. Inoltre, 3,7 milioni di lavoratori, pubblici e privati, sono senza contratto. Bisognerebbe dare risposte concrete e rapide.

 La Uil lancia un chiaro e semplice messaggio alle forze politiche impegnate nella campagna elettorale: i lavoratori e i pensionati italiani non possono impoverirsi ulteriormente, questa tendenza deve finire subito. È necessario un cambiamento nelle politiche economiche di questo paese e avviare, almeno i rinnovi  dei contratti pubblici fermi dal 2010, ma oggi questa situazione di attesa non fa che impoverire ogni giorno di più imprese, lavoratori e pensionati.

 

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.