Esito scontato, non si può chiedere di scegliere tra lavoro e salute

21

trivelle1Occorrono investimenti mirati per salvaguardare l’ambiente

L’ esito della consultazione referendaria sulle trivelle, purtroppo, era scontato. I cittadini sono stati messi di fronte a un dilemma irrisolvibile con un voto: scegliere per l’affermazione del diritto al lavoro, sancito dall’articolo 1 della Costituzione, o del diritto alla salute, sancito dall’articolo 32 della Costituzione. È stato un errore strategico aver determinato questa condizione.

Un deficit di partecipazione è sempre un vulnus della democrazia del quale andrebbero ricercate le vere cause e le vere responsabilità. Nel merito, ribadiamo la nostra posizione: bisogna coniugare lavoro, ambiente e sicurezza e ogni sforzo deve andare in tale direzione. Chiediamo, ora, a tutte le Istituzioni interessate di creare i presupposti per realizzare questa sintesi, anche con investimenti mirati. In particolare, le Regioni dovrebbero chiedere un aumento delle royalties e dovrebbero usare questi proventi non per risanare deficit di bilancio o per finanziare la spesa pubblica, ma per salvaguardare e bonificare l’ambiente.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.