Eliminare iniquità della legge Fornero, flessibilità in uscita senza penalizzazioni

63

inps6_large

Le ipotesi fatte circolare dal Governo di far pagare ai lavoratori la reintroduzione della flessibilità di accesso alla pensione è inaccettabile.

Se è vero che la Legge Fornero ha provocato iniquità e ingiustizie sociali, come ripetutamente affermato da esponenti dell’esecutivo, allora bisogna porvi rimedio senza unire al danno la beffa. Questo, infatti, significherebbe prevedere una flessibilità a costo zero o conteggiata con il metodo contributivo.

Bisogna invece prevedere un range tra 62 e 70 anni dentro il quale i lavoratori possono scegliere quando andare in pensione anche in base alle diverse tipologie di lavoro. Eliminare le iniquità e le ingiustizie sociali prodotte dalla Fornero significa non prevede ulteriori penalizzazioni per i lavoratori futuri pensionati.

Le Commissioni Lavoro di Camera e Senato, di cui la UIL apprezza l’attività svolta in questi mesi, possono dare un contributo determinante alla positiva soluzione di questo problema.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.