COMUNICATO

78

DSCN2312-300x224La UIL FPL a tutela della professionalità e della dignità dei dipendenti ARPAB, a seguito di alcune inesattezze apparse sulla stampa in merito alla richiesta di accesso all’informazione ambientale da parte del Segretario dei Radicali Lucani, precisa che nessuno è mai “scappato con le password” e che la documentazione informatica e cartacea è detenuta, come ovvio, dall’Ente che ne risponde tramite il suo legale rappresentante. Perciò, sono assolutamente gratuite le affermazioni contenute nell’articolo a firma del dr. Bolognetti, apparso nella Gazzetta del Mezzogiorno del 04/02/2015, che evidentemente mistifica fatti e circostanze asserendo cose non vere. La UIL FPL, nell’esprimere tutta la sua solidarietà nei confronti del dipendente incautamente tirato in ballo, precisa che questo episodio dimostra che è in  atto nei confronti della P.A. e dei suoi dipendenti e soprattutto verso un ente come l’ARPAB una campagna demagogica intollerabile che va respinta con forza.

Quello che sconcerta è anche l’atteggiamento della Direzione che invece di rispettare il dettato normativo(D.LGS. 152/06) si cimenta in acrobatiche lettere di risposta come quella inviata al dr. Bolognetti. Infatti solo dopo un anno e mezzo di comando del dipendente si accorge che l’ARPA Basilicata non adempie al dettato normativo che vede il “Catasto dei Rifiuti” istituito presso le ARPA. Non è più tollerabile questo modo di gestire la cosa pubblica , i dipendenti sono sempre più vittime della mala gestione degli enti.

    Il Segretario Regionale

Antonio Guglielmi

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.