Circa 335 mila posti di lavoro salvaguardati

65

occupazione3_largePreoccupazione per l’assenza di politiche di sviluppo

Circaca 335 mila posti di lavoro salvaguardati dalla cassa integrazione, di cui 280 mila dalla cigs, gestione questa che ha registrato rispetto a gennaio dello scorso anno, un aumento del 69,6% per un ammontare complessivo di ore autorizzate pari a 47,6 milioni. Questi dati, drammaticamente preoccupanti se visti sotto il profilo della perdurante e forte crisi del nostro tessuto produttivo, lo diventano maggiormente se consideriamo il blocco amministrativo che ha riguardato la cassa integrazione ordinaria, tanto da determinare una flessione dell’80,7% rispetto allo stesso periodo del 2015 e alla diminuzione, per insufficienza di risorse, della cassa integrazione in deroga (- 13,9%).

Complessivamente, con 56,9 milioni di ore, il primo mese di quest’anno registra un aumento di ore di cassa integrazione del 12,8% (incremento che investe la provincia autonoma di Bolzano e 6 regioni, con il picco più alto in Piemonte +309,1%).

A fronte di una flessione generalizzata in tutte le regioni della cassa integrazione ordinaria, con l’unica eccezione della Provincia Autonoma di Bolzano con + 189%, la gestione straordinaria aumenta in 5 Regioni con in testa il Piemonte (+635,9%).

Tra blocchi amministrativi, assenza di risorse, riforma di un sistema di sostegno al reddito che è stato ridimensionato nella possibilità di accesso e, soprattutto, in presenza di una crisi che ancora presenta un termometro a febbre alta, la maggiore preoccupazione è per i potenziali riflessi che, sul tessuto occupazionale, porterà quest’assenza prolungata di politiche di sviluppo che rimettano in moto il nostro Paese.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.