Calano le assunzioni e i contratti stabili, tiene solo il lavoro temporaneo

256

Se ci fosse stata necessità di una conferma è arrivata inesorabile: calano  le assunzioni e  i contratti stabili,  tiene solo il lavoro temporaneo.

È quanto è emerso da una valutazione, sulle comunicazione obbligatorie,  del servizio politiche del lavoro della Uil.

Infatti, nel terzo trimestre 2013, rispetto allo stesso periodo del 2012, i contratti a tempo indeterminato sono scesi del 15,6% (- 68.000), l’apprendistato è calato del 7% (-4.400). In crescita solo il contratto temporaneo (tempo determinato) del 1,3% (21.800).

Se si prendono  a riferimento i primi 9 mesi dell’anno, rispetto allo stesso periodo del 2012,  si assiste al calo generalizzato delle attivazioni: – 7.9% ( 628.000) con picchi per il tempo indeterminato (-12,2%) el’apprendistato (-14,6%);  dati  che consolidano  il drammatico trend degli ultimi anni.

Di fronte a questi numeri occorre intervenire sulle vere cause della perdurante crisi occupazionale: mancata crescita, pressione fiscale insopportabile per lavoro e impresa. Solo con queste politiche potrà essere utile  allargare le incentivazioni alle persone meno giovani e più esposte alla crisi.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.