Aumenti contrattuali per tutti

124

produttivita_big

Su produttività lanciamo sfida al Governo

Guardiamo i fatti: l’accordo sui comparti è stato sottoscritto dalle organizzazioni sindacali il 4 aprile. Ad oggi, il Governo non ha concluso l’iter che gli compete per farlo diventare operativo. Le risorse, secondo il Def, coprono una cifra irrisoria e sono previste solo per il 2016, mentre è prevista la sola indennità contrattuale per il triennio 2019-2021.

Noi continuiamo a rivendicare un contratto collettivo nazionale pieno sia economico sia normativo. Siamo disponibili a trovare soluzioni per i rinnovi al tavolo delle trattative all’Aran. Una cosa è certa non accettiamo la fine del contratto nazionale con aumenti solo per qualcuno, mentre siamo per diversificare il salario di produttività nella contrattazione di secondo livello.

Questa è la sfida che lanciamo al Governo, liberiamo la contrattazione di secondo livello, ridiamogli autonomia e, in quella sede, si troveranno le soluzioni per verificare la produttività, per adeguare l’organizzazione del lavoro e per premiare la professionalità e il merito.

Pertanto, il contratto collettivo nazionale dovrà garantire aumenti per tutti, in quanto, è l’unico strumento per adeguare il potere di acquisto che si è perso in tanti anni di blocco.

Se ci si vuole confrontare, siamo disponibili, se si vuole imporre scelte che non condividiamo, risponderemo fermamente.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo commento
Il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.